Claudio Giardino

I metalli nel mondo antico
Introduzione all'archeometallurgia

Laterza Bari-Roma
Anno 2002
Pagine: 227
Prezzo 20 euro

Recensione di Fabio Serchisu

Si tratta del primo manuale italiano sull'archeometallurgia, una disciplina che solo negli ultimi tempi sta occupando lo spazio che le compete in ambito scientifico. L'opera tratta in modo chiaro ed esaustivo le principali tematiche generali. Si può suddividere in tre parti: nella prima sono spiegati i metodi di indagine di questo studio così particolare, dalle analisi impiegate in questo settore, alla descrizione dei sistemi di estrazione dei minerali e di lavorazione dei metalli.
Nella seconda parte in cui sono presi in rassegna tutti i metalli usati dalla Preistoria al Medioevo, considerando l'area geografica che comprende l'Europa e il Vicino Oriente. La terza parte esamina i fenomeni di corrosione e spiega i metodi di trattamento dei reperti in metallo.
Completa il volume un accurata documentazione grafica e fotografica e un ricco apparato bibliografico, che testimonia la mole di lavoro di sintesi svolto dall'Autore.

Indice dell'opera
cap. 1 Un'introduzione allo studio dei metalli antichi
cap. 2 I metalli e le leghe: caratteristiche
cap. 3 Struttura dei metalli, metallografia e tecniche di indagine
cap. 4 I giacimenti metalliferi e le antiche coltivazioni minerarie
cap. 5 Dall'arricchimento alla fusione: sistemi di concentrazione, tecniche estrattive e fusorie
cap. 6 La lavorazione del metallo
cap. 7 Sistemi decorativi
cap. 8 Tecniche orafe
cap. 9 Rame
cap. 10 Stagno e bronzo
cap. 11 Oro
cap. 12 Argento e piombo
cap. 13 Antimonio, arsenico, zinco e ottone
cap. 14 Ferro
cap. 15 Corrosione primo trattamento dei manufatti metallici

La copertina esterna è morbida, e le immagini sono tutte in bianco e nero inserite nel testo.

Si tratta di un libro molto chiaro e ben strutturato, utile per diversi livelli di studio della materia a partire dai principianti.